IL THRILLER “L’ANGELO DEI MURI” DI LORENZO BIANCHINI IN ANTEPRIMA A TRIESTE AL CINEMA ARISTON GIOVEDÌ 12 MAGGIO ALLE ORE 20.30 ALLA PRESENZA DEL REGISTA E DEL CAST
Il nuovo film di Lorenzo Bianchini, girato in FVG fra Trieste e San Vito al Torre, è una favola nera con protagonista l’attore francese Pierre Richard.
Saranno presenti all’anteprima il regista Lorenzo Bianchini e gli interpreti Iva Krajnc, Gioia Heinz, Zita Fusco, Franko Korošec, Alessandro Mizzi

“L’angelo dei muri” (Italia, 2021, 102’) di Lorenzo Bianchini, interpretato dal grandissimo Pierre Richard e prodotto dalla Tucker Film (qui all’esordio fuori dal perimetro della distribuzione) con Rai Cinema e MYmovies, sarà presentato in anteprima speciale al Cinema Ariston di Trieste giovedì 12 maggio. Saranno presenti in sala il regista Lorenzo Bianchini e, in rappresentanza del cast, la co-protagonista slovena del film Iva Krajnc Bagola, Gioia Heinz (per la prima volta sullo schermo), Zita Fusco, Franko Korošec, Alessandro Mizzi. L’uscita nei cinema del Friuli Venezia Giulia è programmata per il 19 maggio.

Questa intensa favola nera, ambientata a Trieste e girata fra Trieste e San Vito al Torre, segna il passaggio del regista udinese di “Custodes bestiae” e “Oltre il guado” dalla scena horror indipendente al circuito mainstream, portando con sé il respiro dell’Europa: un protagonista francese, nome storico del cinema, del teatro e della tivù, una co-protagonista slovena, Iva Krajnc Bagola, e un direttore della fotografia austriaco, Peter Zeitlinger, vera e propria icona legata a filo doppio con Werner Herzog. “L’angelo dei muri”, scritto dallo stesso Bianchini, da Michela Bianchini e da Fabrizio Bozzetti, è stato realizzato con il sostegno FVG Film Commission e Fondo per l’Audiovisivo del FVG.

Trieste, oggi. Un vecchio palazzo, un vecchio appartamento. Pietro vive là, stancamente, finché la sua quotidianità regolare e solitaria non viene devastata da un’ordinanza di sfratto. L’anziano non vuole andarsene e mette a punto una strategia per continuare a vivere segretamente dentro casa: costruisce un muro in fondo al lungo corridoio dell’appartamento, un vero e proprio nascondiglio verticale dietro cui sparire. Una grata per respirare, una fessura per simulare un lucernaio, qualche buco per studiare le mosse del nemico (il proprietario, i potenziali nuovi inquilini). Il timore di venire scoperto diventa un’ossessione e ogni cosa lo fa sentire minacciato:
il sibilo del vento, un’ombra, uno scricchiolio. Poi, un giorno, “il nemico” arriva davvero: è una madre disperata che vuole garantire un tetto alla figlia. Come reagirà Pietro? Che forma prenderà la sua guerra?

«”L’angelo dei muri” – racconta il regista – è un gioco di immedesimazione tra il pubblico e il protagonista. Con la macchina da presa gli staremo vicino. I suoi occhi diventeranno quelli dello spettatore. A volte lo seguiremo, a volte lo precederemo un po’, ma staremo sempre nel raggio delle sue percezioni, per vivere e provare, accanto a lui, ogni singola emozione, ogni sorpresa. Scopriremo con lui gli spazi che esplorerà, ci inoltreremo, attraverso lunghi piani sequenza, nelle penombre dei corridoi e affronteremo con lui i fantasmi del suo passato…».

Trailer: https://youtu.be/2a0powoPh5E

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn