fbpx

Venerdì 21 febbraio, ore 18, al Cinema Ariston Paola Deffendi e Claudio Regeni presentano il libro “Giulio fa cose”, scritto insieme ad Alessandra Ballerini, avvocato della famiglia Regeni, e pubblicato da Feltrinelli editore.
Nel volume i genitori di Giulio Regeni raccontano questi quattro anni, la fatica e il dolore provati, la solidarietà ed il sostegno ricevuti lungo il percorso verso la verità.
L’incontro verrà coordinato da Giuliano Foschini, inviato di Repubblica.
Seguirà la proiezione del documentario “A Roma per Giulio” di Ivan Gergolet, il racconto della ciclostaffetta tenutasi nell’autunno del 2018 da Duino a Roma per chiedere verità e giustizia per Giulio.
link evento FB > https://www.facebook.com/events/206038827260821/

INCONTRO CON PAOLA DEFFENDI, CLAUDIO REGENI E ALESSANDRA BALLERINI

Nel quarto anniversario della scomparsa.
Il rapimento, le torture e l’uccisione di Giulio Regeni riguardano tutti. Perché la ragion di Stato sembra aver messo a tacere la giustizia. Questa è la battaglia per la verità dei suoi genitori. “Chiediamo una verità processuale nei confronti di chi ha deciso sul destino della sua (e delle nostre) vite, di chi lo ha torturato, chi ha sviato le indagini, chi ha permesso e permette tutto ciò. Su Giulio sono stati violati tutti i diritti umani, compreso il diritto di tutti noi ad avere verità”.

Alla tragedia di Giulio Regeni, scomparso il 25 gennaio 2016 al Cairo, il mondo della politica non ha ancora risposto. Non ha risposto l’Egitto di Al Sisi. Che, anzi, continua a sabotare le indagini sul sequestro, la tortura e l’omicidio del figlio di Paola Deffendi e Claudio Regeni: in quasi quattro anni gli egiziani hanno ucciso cinque innocenti, inventato storie incredibili, falsificato documenti per allontanare i sospetti dai loro apparati. Senza però riuscirci. Grazie al lavoro della Procura di Roma, cinque funzionari della Nsa, i servizi segreti del Cairo, sono sotto inchiesta con l’accusa di aver partecipato al sequestro di Giulio. E in spregio alla collaborazione giudiziaria promessa agli italiani dal Cairo, le forze di polizia continuano a intimidire, a ostacolare la commissione egiziana per i diritti e le libertà alla quale i genitori si sono rivolti al Cairo.
Alla tragedia di Giulio non ha risposto l’Europa, a parte qualche passaggio di circostanza.
Non ha risposto l’Italia che, anzi, ha rimandato il suo ambasciatore al Cairo.
A combattere per ottenere verità e giustizia per Giulio e per tutti i Giulio d’Egitto ci sono però i genitori, Paola e Claudio, insieme al loro avvocato Alessandra Ballerini.
Ma non sono soli. Anzi: con loro c’è l’onda gialla che parla di Giulio, indossa i braccialetti, appende nei principali comuni, università e luoghi di cultura quello striscione giallo per chiedere verità e giustizia. Perché Giulio era un cittadino italiano, un cittadino europeo che aveva scelto lo studio e la cultura come strumento di solidarietà e giustizia sociale.
Nato a Trieste e cresciuto a Fiumicello, in Friuli-Venezia Giulia, aveva conseguito la laurea a Leeds (UK), un master a Cambridge e aveva un dottorato in corso a Cambridge. Al Cairo stava lavorando a una tesi, rivolta agli aspetti socio-economici principalmente dell’Egitto, in cui affrontava anche tematiche sindacali.
Da più di quattro anni questa storia è nota a tutto il mondo, ma nulla è stato raggiunto.
La lotta dei genitori di Giulio Regeni affinché sia fatta chiarezza sulla sua cattura e la sua uccisione deve essere anche la nostra. Perché la verità e la giustizia sono diritti e spettano a tutti i cittadini.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn