Associazione Anno Uno

L’Associazione culturale Anno uno si è costituita nel 2001, e dal 2002 realizza annualmente I mille occhi – Festival internazionale del cinema e delle arti (www.imilleocchi.com) cui si aggiungono nel corso dell’anno altre attività (in particolare Cinema con i giovani) e la gestione permanente di un ricco archivio di materiale cartaceo e video riguardante non solo molte zone della storia del cinema ma anche il rapporto del cinema con le altre arti: tale archivio, in fase avanzata di catalogazione e in costante ampliamento, è destinato a confluire come parte gestita dall’Associazione dentro il più ampio archivio della Mediateca presso la Casa del Cinema di Trieste.

Questa articolazione rende il momento festival non una vetrina da rinnovare volta per volta bensì un work in progress, evidente non solo dai programmi che riprendono e sviluppano i motivi già avviati ma anche dalle tracce permanenti che ne rimangono sul territorio, e che sono appunto i documenti video e cartacei capaci di offrirsi come strumento di una ricerca non unicamente accademica, con l’auspicio di innovare dentro le conoscenze e le abitudini di consumo già consolidate. Si ritiene infatti che l’importanza del cinema non debba basarsi solo su quanto già affermatosi, ma debba cercare nuovi target di pubblico, rimescolando le carte tra cose note e poco note, tra cinema del passato e produzione corrente, tra status quo generazionali.

Sempre più I mille occhi cercano di diventare un’esperienza pilota di ripensamento della forma festival, verso la quale l’Associazione nutre una grande fiducia, considerandola una forma capace di innovarsi e di intercettare nuove attenzioni. Perciò lo sguardo verso il cinema non intende restringersi a un territorio o a un’epoca o a un genere: rivolgere il proprio interesse a 360 gradi verso il cinema implica un’esigenza di convinzione su tutte le scelte di programma, rinunciando a mere panoramiche informative; implica anche mettere in rapporto le parti di questo programma, superando ghettizzazioni quali gli spazi retrospettivi, giacché i film rivivono al presente a ogni proiezione, e gran parte di ciò che ha un valore nella produzione cinematografica attende ogni volta che questo valore sia focalizzato da un nuovo pubblico.

All’interno del programma del festival ha un ruolo particolarmente importante il Premio Anno uno, assegnato a un autore “del nostro tempo” per la sua opera complessiva con particolare riferimento a un nuovo film che (nel segno della capacità continua di sorprendere e spiazzare dell’opera di Roberto Rossellini) non è stato ancora accolto con la dovuta attenzione dalla critica e dall’establishment festivaliero. Gli autori sinora (2012) premiati sono stati Kira Muratova, Mircea Daneliuc, Werner Schroeter, Paulo Rocha, John Gianvito, Helena Ignez, Thomas Harlan, Klaus Wildenhahn, Marc Scialom.
Il festival si è occupato inoltre tra l’altro (in molti casi avendo i cineasti come ospiti) di Myriam Mézières, Alexis Damianos, Victor Erice, Jean Vigo, Massimo Troisi, José Val del Omar, Stavros Tornes, Vittorio De Seta, Nando Cicero, Larisa Šepit’ko, Robert Rossen, Barbara Loden, Živojin Pavlović, Matjaž Klopčič, Breda Beban, Jackie Raynal, Michael Reeves, Carl Theodor Dreyer, Jacques Baratier, Jean-Marie Straub e Danièle Huillet, Piero Vivarelli, Vittorio Cottafavi, Bulle Ogier, Nico Papatakis, Eric Rohmer, Leo McCarey, Claude Autant-Lara, Michel Delahaye, Sonja Savić, Lola Salvi, Walerian Borowczyk, Brunello Rondi, František Čap, Georg Wilhelm Pabst, Frank Wisbar, Helmut Kutner, Giorgio Bianchi, Zouc, Jean-Claude Rousseau, Augusto Genina, Giorgio Venturini, Mario Camerini, Francesco De Robertis, Lia Franca, Stephen Dwoskin, Valerio Zurlini.

Icone del festival sono state Lydou Vigo, Leni Riefenstahl, Jean Seberg, Amparo Matiz, Dawn Addams, Belinda Lee, Piper Laurie, Sylvia Lopez, Marta Toren, Kim Novak, Barbara Kwiatkowska-Lass.
Main partners del festival sono La Cineteca del Friuli – Archivio Cinema del Friuli Venezia Giulia e Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, cui si è aggiunta la collaborazione di molteplici archivi ed istituzioni regionali, italiane, europee e americane.
Il festival è diretto da Sergio Mattiassich Germani, e si avvale di un’ampia rete di collaboratori al programma e di un motivato staff professionale di collaboratori operativi.

ANNO UNO
Associazione culturale
I MILLE OCCHI

piazza Duca degli Abruzzi 3
34132 Trieste, Italy
T/F +39 040 349 8889

contact@announo.it
www.announo.it
www.imilleocchi.com
www.cinemaconigiovani.it