#cinemanordest – da lunedì 31 luglio a venerdì 4 agosto

Nell’ambito della manifestazione “Trieste Estate 2017”, promossa dal Comune di Trieste a beneficio di chi resta in città e dei numerosi turisti che giungono in visita, ritorna anche quest’anno il cinema all’aperto, nella cornice di Piazza Verdi.

Nelle serate da lunedì 31 luglio a venerdì 4 agosto, sempre con inizio alle ore 21.00 e a ingresso libero, il cartellone presenta la rassegna “#cinemanordest”, organizzata dall’associazione Casa del Cinema di Trieste. Il cinema del Nordest, girato, prodotto e ambientato tra i paesaggi umani e fisici delle Tre Venezie, da sempre al centro di incontri e proiezioni organizzate dalle associazioni di cultura cinematografica triestine, è il focus di questa mini-rassegna estiva, il cui programma propone cinque titoli emblematici della produzione più recente.

Il ciclo comincia lunedì 31 luglio con “L’ultima spiaggia” di Thanos Anastopoulos e Davide Del Degan, il film documentario interamente girato a Trieste al Bagno comunale “La Lanterna”, meglio noto come “el Pedocìn”, dedicato a questo luogo unico e alle donne e agli uomini che lo popolano, protagonisti di una tragicommedia sulla natura umana: una spiaggia popolare, in pieno centro, divisa in due da un muro alto tre metri; un mondo a parte, un’isola sospesa nel tempo, affacciata su un mare che separa e unisce.

La rassegna prosegue martedì 1 agosto con “La pelle dell’orso”, primo film di fiction del regista padovano Marco Segato, con protagonista Marco Paolini, ambientato negli anni Cinquanta, in un villaggio nel cuore delle Dolomiti dove vivono Domenico, un ragazzino sveglio ma introverso, e il padre Pietro, un uomo consumato dalla solitudine e dal vino; come in un avventuroso romanzo di formazione o in un western dell’anima, il loro rapporto inizia a trasformarsi quando padre e figlio si immergono nei boschi, alla caccia di un orso vecchio e feroce detto il “diaol”, che minaccia la tranquillità della valle.

Si continua mercoledì 2 agosto con commedia “Mamma o papà?” di Riccardo Milani, con Paola Cortellesi e Antonio Albanese. L’amore, si sa, può finire; e quando la coppia scoppia, spesso lui e lei si fanno la guerra, soprattutto per decidere chi avrà la custodia dei figli. Stavolta è diverso, però: nessuno dei due li vuole; stavolta mamma vuole mollarli a papà e viceversa, ad ogni costo. Remake del recente campione d’incassi francese “Papa ou maman”, i set del film sono stati realizzati nel vicentino e altre location del Veneto.

Nella serata di giovedì 3 agosto è attesa in Piazza Verdi la presenza della regista italo-australiana Ruth Borgobello, per la presentazione della sua opera prima “The Space Between”, interamente girata e ambientata in Friuli Venezia Giulia con la collaborazione della FVG Film Commission. Interpretato da Flavio Parenti e Maeve Dermody con la partecipazione di Lino Guanciale, affiancati fra gli altri da Fulvio Falzarano e Ariella Reggio, il film racconta il percorso umano di Marco, ex chef dotato di vero talento, che alcune pieghe di vita e familiari hanno portato a rinunciare alle proprie reali aspirazioni; ma un tragico evento e l’incontro con Olivia, una ragazza australiana affascinante e piena di vita, gli aprono gli occhi sul futuro. La colonna sonora originale è composta da Teho Teardo.

Serata conclusiva venerdì 4 agosto con “La pazza gioia” di Paolo Virzì, protagoniste Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti nel ruolo di due ospiti di una comunità terapeutica per donne con disturbi mentali, entrambe classificate come socialmente pericolose: Beatrice Morandini Valdirana, chiacchierona istrionica, sedicente contessa e a suo dire in intimità coi potenti della Terra, e Donatella Morelli, giovane donna tatuata, fragile e silenziosa, che custodisce un doloroso segreto. Il film racconta la loro imprevedibile amicizia, che porterà ad una fuga strampalata e toccante, alla ricerca di un po’ di felicità in quel manicomio a cielo aperto che è il mondo dei sani: una storia fra dramma e commedia, nata da una grande esplorazione del tema del disagio mentale, con il coinvolgimento di medici, operatori, pazienti, e la partecipazione come consulente scientifico dello psichiatra Peppe Dell’Acqua.


TRIESTE ESTATE 2017 – #cinemanordest – rassegna cinematografica all’aperto
piazza Verdi – 31 luglio, 1 agosto, 2 agosto, 3 agosto, 4 agosto – ore
21.00 – ingresso libero
a cura della Casa del cinema di Trieste

PROGRAMMA

lunedì 31 luglio – ore 21.00
L’ULTIMA SPIAGGIA (Italia, Grecia, Francia, 2016, 119′)

regia di Thanos Anastopoulos e Davide Del Degan

Il nome ufficiale è Bagno comunale “La lanterna”, ma per tutti, a Trieste, è semplicemente “el Pedocìn”: una spiaggia popolare, in pieno centro, divisa in due da un muro alto tre metri. Da un lato gli uomini, dall’altro le donne. Un mondo a parte, un’isola sospesa nel tempo, affacciata su un mare che divide e unisce, allargando i confini che così si confondono e si mescolano, nello stesso modo in cui si sono mescolati qui italiani e serbi, greci e sloveni, ebrei e tedeschi, austriaci e americani…
Presentato fuori concorso al festival di Cannes, “L’ultima spiaggia” è il film documentario che Thanos Anastopoulos e Davide Del Degan hanno dedicato a questo luogo unico e alle donne e agli uomini che lo popolano, protagonisti di una tragicommedia sulla natura umana.

martedì 1 agosto – ore 21.00
LA PELLE DELL’ORSO (Italia, 2016, 92′)

regia di Marco Segato
con Marco Paolini, Leonardo Mason, Lucia Mascino

Anni Cinquanta. In un villaggio nel cuore delle Dolomiti vivono Domenico, un ragazzino sveglio ma introverso, e il padre Pietro, un uomo consumato dalla solitudine e dal vino, che per campare lavora alle dipendenze di Crepaz. Una notte la tranquillità della valle viene minacciata dal diaol, il diavolo, un orso vecchio e feroce. Una sera all’osteria in uno scatto d’orgoglio, Pietro lancia una sfida a Crepaz: ammazzerà l’orso in cambio di denaro. Padre e figlio si immergono nei boschi, sempre più a fondo, fino ad esserne inevitabilmente trasformati. A poco a poco si riavvicinano, si riconoscono e il muro che li separava si sgretola nell’immensità della natura.

mercoledì 2 agosto – ore 21.00
MAMMA O PAPA’? (Italia, 2016, 98′)

regia di Riccardo Milani
con Paola Cortellesi, Antonio Albanese

Dopo quindici anni di matrimonio, Valeria e Nicola hanno deciso di divorziare in maniera civile. Proprio quando si sono decisi a dare la notizia ai loro tre ragazzi, capita ad entrambi l’opportunità di partire all’estero per l’occasione lavorativa della vita. Valeria, da brava compagna e amica, è subito pronta a farsi indietro, ma quando scopre che Nicola ha una tresca con un’infermiera giovane e carina, non è più disposta a sacrificarsi, anzi, accetta al volo il suo nuovo incarico. A chi andrà la custodia dei figli nei sette mesi durante i quali entrambi i genitori hanno deciso di accettare le rispettive proposte di lavoro all’estero? Se i due non sono in grado di stabilirlo, saranno i bambini a scegliere se stare con mamma o con papà!

giovedì 3 agosto – ore 21.00
THE SPACE BETWEEN (Italia, Australia, 2016, 98′)

regia di Ruth Borgobello
con Flavio Parenti, Maeve Dermody, Lino Guanciale, Fulvio Falzarano, Ariella Reggio

Interamente girato nel Friuli Venezia Giulia, con una colonna sonora originale composta da Teho Teardo, il film racconta il percorso umano di Marco, ex chef dotato di vero talento, che alcune pieghe di vita e familiari hanno portato a rinunciare alle proprie reali aspirazioni. Un tragico evento e l’incontro con Olivia, una ragazza australiana affascinante e piena di vita, gli aprono gli occhi sul futuro. Tra campagne punteggiate di vigneti, frastagliati paesaggi di montagna e il blu elettrico dell’Adriatico, questi due personaggi così diversi si trovano l’un l’altra, proprio nel momento in cui le rispettive vite stanno per cambiare per sempre.

Venerdì 4 agosto – ore 21.00
LA PAZZA GIOIA (Italia, 2016, 118′)

regia di Paolo Virzì
con Valeria Bruni Tedeschi, Micaela Ramazzotti

Beatrice Morandini Valdirana è una chiacchierona istrionica, sedicente contessa e a suo dire in intimità coi potenti della Terra. Donatella Morelli è una giovane donna tatuata, fragile e silenziosa, che custodisce un doloroso segreto. Sono tutte e due ospiti di una comunità terapeutica per donne con disturbi mentali, entrambe classificate come socialmente pericolose. Il film racconta la loro imprevedibile amicizia, che porterà ad una fuga strampalata e toccante, alla ricerca di un po’ di felicità in quel manicomio a cielo aperto che è il mondo dei sani.